I serramenti ideali per un ambiente moderno

Quando si decide di acquistare nuovi serramenti si deve tener conto delle caratteristiche della casa e del design dei nuovi infissi, valutandone dimensioni, forma, colore, finiture, linee e accessori.

Per scegliere i serramenti più adatti ad una casa moderna bisogna anche considerarne le caratteristiche tecniche. Potremo così prediligere quelli con elevate prestazioni di risparmio energetico, con un alto livello di isolamento termoacustico, con maggiore resistenza agli agenti atmosferici per assicurare una più estesa durabilità nel tempo.

Il design dei serramenti con uno stile moderno

Gli infissi più adatti ad una casa moderna sono certamente quelli che presentano linee pulite, semplici ed essenziali, come i nostri infissi in PVC, in alluminio e in legno. L’alto livello di personalizzazione permetterà di adeguare il design degli infissi allo stile dei rivestimenti di pareti e pavimenti moderni, per ottenere linee minimal rispettose di spazi aperti ed ambienti luminosi.

Gli infissi I Nobili per una casa moderna

I serramenti de I Nobili rappresentano la scelta perfetta per chi desidera un ambiente armonioso in stile moderno: progettiamo serramenti di design sempre con un’attenzione particolare alle loro prestazioni energetiche.

I nostri infissi si prestano a rendere unico un ambiente moderno poichè si contraddistinguono per una continua ricerca stilistica che ci permette di offrire serramenti con linee geometriche nette e decise, forme pulite ed essenziali.

Lo stile moderno degli infissi I Nobili, segue i canoni di bellezza e di estrema funzionalità garantendo un impatto estetico sobrio e raffinato, nel pieno rispetto del trend che impone grande attenzione ai dettagli e allo stile minimale.

I nostri infissi sono molto apprezzati sia da architetti e designer, per il loro valore estetico, che dai tecnici per la loro estrema funzionalità.

L’ecobonus per acquistare serramenti per un ambiente moderno

Scegliendo i nostri infissi moderni si può usufruire dell’Ecobonus, un’agevolazione statale per la riqualificazione edilizia permette di acquistare nuovi serramenti I Nobili pagandoli la metà.

CONTATTACI PER CONOSCERE IL RIVENDITORE A TE PIÙ VICINO

    Ho letto e compreso le condizioni sulla Privacy Policy.

    UN NUOVO CONCETTO DI DESIGN

    Più luce e profili ridotti.
    Gli infissi diventano veri oggetti di design nella tua casa.

    SCOPRI DI PIÙ

    UN NUOVO CONCETTO DI DESIGN

    Più luce e profili ridotti. Gli infissi diventano veri oggetti di design nella tua casa.

    SCOPRI DI PIÙ

    Motivi per cui scegliere il PVC per le tue finestre su misura

    Chi ha l’esigenza di integrare gli infissi allo stile architettonico della facciata della propria abitazione, sceglie finestre su misura, capaci di adattarsi contemporaneamente anche allo stile interno degli spazi abitativi. Il PVC offre vantaggi che altri materiali non riescono ad assicurare: dalla grande possibilità di personalizzazione all’ottimo isolamento termoacustico, dalla elevata resistenza alla tutela dell’ambiente, dalla lunga durabilità alla maggiore economicità.

    L’isolamento termico e acustico degli infissi in PVC

    Gli infissi in PVC offrono un alto livello di isolamento, sia termico che acustico. Il PVC è infatti particolarmente adatto a ottenere i migliori valori di trasmittanza termica, essendo un materiale a bassa conduttività e si definisce un materiale sordo, ovvero non risuona e produce isolamento acustico di elevato valore.

    La resistenza delle finestre in PVC

    Il PVC è un materiale robusto e resistente, quindi capace di resistere ad acqua, vento, sole e salsedine, rappresentando così un ottimo scudo contro le intemperie. I profili in PVC de I Nobili, utilizzati per l’assemblaggio dei serramenti, sono estrusi con mescole di tipo S, quindi sono idonei alle condizioni climatiche Italiane.

    La personalizzazione degli infissi in PVC de I Nobili

    Grazie alla sua resistenza e alla sua facilità di lavorazione il PVC offre una grande versatilità, prestandosi ad un alto grado di personalizzazione. La nostra linea di produzione consente una grande personalizzazione degli infissi in PVC con colori, dotazioni e accessori che si adattano a diversi gusti e stili.

    Finestre in PVC ecosostenibili e riciclabili

    Scegliendo un serramento in PVC si contribuisce attivamente alla tutela dell’ambiente, quindi ad uno sviluppo economico ecosostenibile. A fine vita, i serramenti in PVC sono riciclabili e la riciclabilità è uno dei criteri di valutazione più importanti ai fini della sostenibilità ambientale di un prodotto.

    La durabilità delle finestre in PVC dei I Nobili

    Le nostre finestre in PVC sono caratterizzata da una lunga durabilità; hanno infatti un tempo medio di vita di circa 20 anni. I Nobili produce infissi indeformabili e antiurto ed i rivestimenti acrilici utilizzati permettono di mantenere e garantire per lungo tempo l’aspetto estetico iniziale.

    Serramenti in PVC più economici rispetto ad altri materiali

    Una delle caratteristiche più apprezzate dal consumatore è l’economicità dei serramenti in PVC. Sono gli infissi più convenienti per quanto riguarda il prezzo d’acquisto e si distinguono anche per il vantaggio economico che sviluppano nel tempo, assicurando un risparmio energetico che si traduce in un risparmio in bolletta.


    Requadro. Design e grandi prestazioni energetiche

    La linea Requadro de I Nobili si veste di innovazione migliorando nell’estetica, ma soprattutto nelle sue performace di risparmio energetico. Finestre e portefinestre, apprezzate dagli amanti dell’interior design, con un ottimo rapporto qualità-prezzo e con un’attenzione particolare: la novità del 2021 rappresenta infatti il nostro sistema misto legno alluminio con le migliori prestazioni di isolamento termico.

    Il design della linea Requadro

    Le finestre e portefinestre Requadro sono realizzate con la massima attenzione ai dettagli per sviluppare profili lineari e utilizzare materiali innovativi. L’estetica di Requadro è stata migliorata su più fronti: ante più sottili per massimizzare la luminosità dello spazio abitativo e finiture capaci di creare armonia tra finestre, porte e arredi. La luminosità è stata migliorata aumentando del 10% la superficie vetrata rispetto al modello precedente de I Nobili.

    La linea utilizza finiture silk, utilizzate nei più prestigiosi arredi contemporanei; si tratta di finiture di ultima generazione in monostrato, stampate con venature sincronizzate, capaci di conservare il colore inalterato nel tempo, resistendo ad abrasioni, graffi, umidità, macchie ed esposizione alla luce. Requadro è disponibile nella serie battente (anche con triplo vetro, anta esterna complanare e anta esterna a scomparsa) e nella serie alzante scorrevole (a due ante o un’anta con fisso).

    La linea è stata sviluppata secondo i principi della sostenibilità ambientale, utilizzando legno lamellare finger-joint proveniente da foreste certificate FSC®, dunque nel pieno rispetto dell’uomo e della natura.

    Le prestazioni energetiche di Requadro

    L’incollaggio strutturale del legno al vetro rende la finestra stabile e indeformabile migliorando, oltre le aperture più luminose, anche l’isolamento termico e acustico dell’ambiente abitativo. Il valore di coefficienza Uw viene conferito dalla quantità di calore (energia) che si disperde in una superficie di 1 mq per secondo, in determinate condizioni di temperatura interna ed esterna: minore è il valore del coefficiente Uw minore sarà la perdita di calore.

    A seconda della serie e della versione scelta, il nuovo Requadro assicura Uw fino a 0.8 confermandosi la migliore scelta per coloro che non vogliono rinunciare alla bellezza del legno dentro casa, con un ottimo isolamento termico.

    L’ecobonus per sostituire le finestre con Requadro

    Chi sceglie Requadro può usufruire dell’Ecobonus, un’agevolazione statale per la riqualificazione edilizia che ti permetterà di acquistare i tuoi nuovi serramenti I Nobili pagandoli la metà.

    Cerca subito un rivenditore e acquista Requadro per la tua casa!

    Lo sconto in fattura dal rivenditore

    Lo sconto in fattura è una modalità di rimborso che consente di avere subito uno sconto applicato direttamente sulla fattura del rivenditore, invece che optare per la detrazione fiscale sull’Irpef (spalmata invece in 10 anni).

    Con lo sconto in fattura è quindi il rivenditore ad anticipare al cliente la somma detraibile dalle imposte per coprire le spese dei nuovi serramenti. Ciò evidentemente permette al cliente di acquistare nuove finestre ad un prezzo molto conveniente, trasferendo al rivenditore l’onere di recuperare il contributo statale.

    La cessione del credito al rivenditore

    Le detrazioni dell’Econobus possono essere cedute al rivenditore di serramenti con la formula della cosiddetta cessione del credito. Per la sostituzione di infissi è possibile detrarre fino al 50% delle spese e cedere il proprio credito Ecobonus ad un rivenditore dei nostri serramenti. La detrazione fiscale quindi si traduce subito in un risparmio della metà del prezzo di acquisto dei nuovi infissi, senza dover attendere i 10 anni previsti per il rimborso!

    Ecobonus per sostituire i serramenti

    L’Ecobonus per l’efficientamento energetico degli immobili copre un costo massimo pari a € 60.000 per ogni unità immobiliare. Acquistando nuove finestre I Nobili, si può dunque scegliere tra uno sconto in fattura e la cessione del credito. Sarà il rivenditore I Nobili ad occuparsi delle procedure, evitando ai Clienti di gestire le pratiche burocratiche del caso!

    Un finanziamento agevolato per il restante 50%

    Grazie alla partnership tra I Nobili e Fiditalia i nostri clienti possono godere di un altro importante vantaggio. Per il restante 50% delle spese per l’acquisto di nuovi serramenti (quelle non coperte dall’Ecobonus), è possibile decidere di pagare in comode rate sfruttando l’opportunità del finanziamento agevolato di Fiditalia.

    Contattaci per conoscere il rivenditore aderente a te più vicino.

      Ho letto e compreso le condizioni sulla Privacy Policy.


      Nuova persiana Reginetta

      Nuova persiana Reginetta.

      La nuova Reginetta è la persiana con lamelle fisse o orientabili con telaio.
      Da sempre al top in termini di protezione, ora si rinnova con un design sobrio e minimale, combinato alla funzionalità.

      Ecco le novità.

      Cerniera

      La nuova cerniera minimale.

      Si integra in maniera perfetta alla struttura garantendo affidabilità e durata nel tempo.

      Maniglia e comando a leva per orientamento lamelle

      Nuovi telai progettati per ingombro estetico ridotto.

      Nuovo nodo centrale con doppia guarnizione

      Sistema di chiusura comandato dalla maniglia, permette più punti di chiusura regolabili in funzione dell’altezza.

      Si adatta facilmente sia ad architetture classiche che moderne anche grazie ad un’ampia scelta di tonalità cromatiche.

      RICHIEDI INFORMAZIONI
      Ordinabile dal 01/02/2021.

      Contattaci per scoprire di più sulla nuova persiana Reginetta.

        Ho letto e compreso le condizioni sulla Privacy Policy.


        Come acquistare nuovi serramenti in comode rate nel 2021

        Il nuovo anno presenta grandi vantaggi per chi decide di rinnovare i serramenti scegliendo I Nobili. Anche nel 2021 l’obiettivo primario della nostra azienda è quello di offrire finestre e sistemi oscuranti di alta qualità, ma il nostro scopo dichiarato è anche quello di offrire soluzioni di finanziamento in grado di soddisfare le esigenze di una clientela sempre più esigente e diversificata.

        La partnership tra I Nobili e Fiditalia

        Sono tanti i clienti che scelgono di attivare un finanziamento per acquistare nuovi infissi e, grazie alla partnership tra I Nobili e Fiditalia, la possibilità di pagare in comode rate diventa un’opzione reale, apprezzatissima in questo momento storico di incertezza finanziaria.

        Il finanziamento con Fiditalia

        Grazie ad un finanziamento con Fiditalia, società finanziaria italiana attiva da oltre 35 anni nel mercato del credito al consumo, chi sceglie i prodotti I Nobili può acquistare i serramenti dei propri sogni pagandoli a rate. Fiditalia, attraverso i rivenditori I Nobili, offre alla clientela un’importante opportunità: un finanziamento a Interessi Zero in 12 o 18 rate, TAN fisso 0% e TAEG 1,07%, e prima rata a 60 giorni.

        Di seguito riportiamo un esempio di finanziamento Fiditalia per acquisto di serramenti I Nobili:

        Importo dei serramenti € 5.000,00
        Anticipo € 0,00
        Importo totale del credito € 5,000
        Prima rata a 60 giorni
        Durata del contratto di credito 19 mesi
        18 rate, pari ognuna a € 277,78
        TAN FISSO 0,00%
        TAEG 1,07%

        Per le condizioni contrattuali si veda il documento «IEBCC» presso la sede Fiditalia e i Punti vendita I Nobili aderenti all’iniziativa. Importo finanziabile fino a € 30.000,00.
        I Nobili Srl opera quale intermediario del credito in regime di non esclusiva con Fiditalia. La valutazione del merito creditizio dell’operazione è soggetta all’approvazione di Fiditalia.

        CONTATTACI PER CONOSCERE IL RIVENDITORE ADERENTE A TE PIÙ VICINO

        [contact-form-7 404 "Non trovato"]

        Ecobonus, sconto in fattura e cessione del credito per sostituire i serramenti.

        Per agevolare interventi di riqualificazione edilizia lo Stato offre interessanti detrazioni fiscali per tutte quelle spese che ottimizzano il risparmio energetico per ridurre gli sprechi di energia. Stiamo parlando dell’Ecobonus, un’agevolazione che permette di acquistare i tuoi nuovi serramenti I Nobili pagandoli la metà.

        Vediamo di seguito due modalità per acquistare nuovi serramenti con un risparmio non indifferente.

        Lo sconto in fattura dal rivenditore

        Lo sconto in fattura è una modalità di rimborso che consente di avere subito uno sconto applicato direttamente sulla fattura del rivenditore, invece che optare per la detrazione fiscale sull’Irpef (spalmata invece in 10 anni). Con lo sconto in fattura è quindi il rivenditore ad anticipare al cliente la somma detraibile dalle imposte per coprire le spese dei nuovi serramenti. Ciò evidentemente permette al cliente di acquistare nuove finestre e infissi ad un prezzo molto conveniente, trasferendo al rivenditore l’onere di recuperare il contributo statale.

        La cessione del credito al rivenditore

        Le detrazioni dell’Econobus possono essere cedute al rivenditore di serramenti con la formula della cosiddetta cessione del credito. Per la sostituzione di infissi e finestre è possibile detrarre fino al 50% delle spese e cedere il proprio credito Ecobonus ad un rivenditore dei nostri serramenti.

        La detrazione fiscale quindi si traduce subito in un risparmio della metà del prezzo di acquisto dei nuovi infissi, senza dover attendere i 10 anni previsti per il rimborso!

        Ecobonus per sostituire i serramenti

        L’Ecobonus per l’efficientamento energetico dei serramenti copre un costo massimo pari a € 60.000 per ogni unità immobiliare.
        Acquistando nuovi infissi e finestre I Nobili, si può dunque scegliere tra uno sconto in fattura e la cessione del credito Sarà il rivenditore I Nobili ad occuparsi delle procedure, evitando ai Clienti di gestire le pratiche burocratiche del caso!

        Un finanziamento agevolato per il restante 50%

        Grazie alla partnership tra I Nobili e Fiditalia i nostri clienti possono godere di un altro importante vantaggio. Per il restante 50% delle spese per l’acquisto di nuovi serramenti (quelle non coperte dall’Ecobonus), la clientela può decidere di sfruttare l’opportunità del finanziamento agevolato di Fiditalia.

        La società finanziaria italiana propone infatti un finanziamento a Interessi Zero in 12 o 18 rate, TAN fisso 0% e TAEG 1,07%, e prima rata a 60 giorni.

        Non resta che cercare un Rivenditore I Nobili ed approfittare dei tanti vantaggi per l’acquisto di nuovi serramenti.

        Compila il form per conoscere il rivenditore a te più vicino.

          Ho letto e compreso le condizioni sulla Privacy Policy.


          PIÙ SOGNI REALIZZATI, MENO PENSIERI. RICHIEDI IL FINANZIAMENTO.

          Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali si veda il documento «IEBCC» presso la Sede Fiditalia e i Punti vendita aderenti all’iniziativa. Importo finanziabile fino a € 30.000,00. Esempio rappresentativo: Prezzo del bene: € 5.000,00 – Anticipo € 0,00 – Importo totale del credito € 5.000,00 – Prima rata a 60gg. Durata del contratto di credito n. 19 mesi con 18 rate mensili da € 277,78 – Importo totale dovuto € 5.046,24. TAN fisso 0,00% TAEG 1,07%. Spese di gestione del finanziamento ricomprese nel TAEG: Spese di istruttoria pari a € 0,00 – Imposta di bollo € 16,00 – Spese incasso rata € 1,50 – Spese invio rendiconto € 1,20 (annui) più imposta di bollo € 0,00 per saldi superiori a € 77,47. I Nobili srl opera quale intermediario del credito in regime di non esclusiva con Fiditalia. La valutazione del merito creditizio dell’operazione è soggetta all’approvazione di Fiditalia. Offerta valida sino al 31/12/2020.

          I Nobili sempre più vicina ai propri clienti.

          Continua la partnership tra I Nobili e Fiditalia per proporre l’acquisto dei serramenti di qualità in comode rate mensili.
          Grazie alla collaborazione con Fiditalia, potrai realizzare grandi sogni.

          Scopri il finanziamento a interessi 0 in 12 o 18 rate. Prima rata dopo 60 giorni.

          ESEMPIO DI FINANZIAMENTO

          Importo totale del credito € 5.000,00
          Prima rata a 60 giorni
          Durata contratto di credito 19 mesi
          con 18 rate mensili da € 277,78
          Importo totale dovuto € 5.046,24
          TAN FISSO 0,00%
          TAEG 1,07%

          CONTATTACI PER CONOSCERE IL RIVENDITORE ADERENTE A TE PIÙ VICINO

          [contact-form-7 404 "Non trovato"]

          Settimana del black friday

          QUESTA PROMOZIONE È SCADUTA

          Dal 25 novembre al 2 dicembre 2019
          i prodotti delle linee di design e
          i sistemi oscuranti sono scontati del

          -10%

          La promozione è valida solo su ordini con misure esecutive e acconto del 30% versato entro il 06/12/2019.
          La promozione è valida dal 25 Novembre al 02 Dicembre 2019 per le linee Reluce, Dama di Luce Line, Marchese HP Glass, Reginetta, Duchessa e Conte. Per i Sistemi Oscuranti sono previsti solo accessori neri.


          I Nobili al MISE: fronte unito contro lo sconto in fattura

          Si è tenuto al Ministero dello Sviluppo economico il Tavolo Tecnico di riflessione sull’articolo 10 e lo sconto in fattura. (Quasi) Tutte le Federazioni e le associazioni contro. Spiragli di apertura

          L’ articolo 10 del Decreto Crescita è stato oggetto di una approfondita discussione al Tavolo Tecnico del Ministero dello Sviluppo economico (vedi news) voluto dal ministro Patuanelli alla luce delle tante proteste e in vista di una eventuale revisione del provvedimento che scadrà a fine anno. Alla riunione erano presenti tutte le associazioni di categoria e, per il Governo, il capo della segreteria tecnica del Ministro il dott. Daniel De Vito, oltre che un rappresentante del Ministero dell’Economia e Finanze. Al Tavolo tecnico erano stati invitati Enea, Cna, Confartigianato, FederlegnoArredo, Anfit, Assites, Finco, Unicmi, Casartigiani, Confcommercio, Confesercenti e Confindustria. Altre Associazioni, specie del giro energetico, si sono accodate.

          I rappresentanti ministeriali hanno mostrato una grande disponibilità ad ascoltare le associazioni, le loro critiche ed eventuali proposte migliorative, e soprattutto hanno riconosciuto apertamente che il problema esiste, che l’articolo 10 mette in grave difficoltà le piccole aziende così numerose in un settore così frammentato come quello del serramento mentre favorisce i grandi gruppi stranieri.

          In maniera chiara e netta l’abrogazione dell’ articolo 10 è stata richiesta da parte di Anfit, Assites, Casartigiani, CNA, Confcommercio, Confartigianato, FederlegnoArredo, Finco e Unicmi mentre Confindustria ha ammesso (sic!) di non avere un’idea in merito in quanto al proprio interno vi sono opinioni contrastanti. Comprensibilmente favorevoli all’ articolo 10 invece i rappresentanti delle Esco per le quali, notiamo, la cessione del credito è solo grasso che cola. Alla fine i ministeriali hanno dovuto incassare il no quasi totale. Qualche segnale di apertura per il futuro è stato manifestato e potrebbero esserci delle controproposte. Le conclusioni vere le potremmo affidare alle parole di De Vito: “Se avessimo fatto questa riunione un anno fa, non ci saremmo trovati qui, a cercare di trovare delle vie di uscita”.

          Per Finco era presenti il direttore generale Angelo Artale, e i rappresentanti di Anfit – la presidente Laura Michelini, e gli industriali Riccardo Figliolia e Francesco Mangione – e di Assites, nelle persone del presidente Fabio Gasparini e di Corrado Olivieri. Figliolia così riflette a fine della riunione: “Ai rappresentanti ministeriali abbiamo evidenziato che le aziende del settore in genere non hanno strutture in grado di gestire i carichi burocratici, fiscali e finanziari che lo sconto in fattura impone. Non parliamo, poi, degli artigiani. Abbiamo messo in luce che la detrazione del 65% andava bene per tutti – clienti, produttori e Stato – ma insipientemente il governo di allora ce la ribassò al 50%. Forse una soluzione potrebbe essere una cessione del credito a più livelli (ora si ferma al secondo livello) o una sua cessione a soggetti finanziari come Medio Credito Centrale, Cassa Depositi e Prestiti e altri”.

          Presente anche Pietro Gimelli, direttore generale di Unicmi che così considera quanto successo al Tavolo Tecnico: “Quasi tutte le Federazioni e Associazioni si sono pronunciate contro. Nessuno peraltro aveva delle vere ipotesi alternative in tasca. Credo che i rappresentanti ministeriali abbiano colto molto bene il messaggio giunto dal 90% del settore: ovvero fanno prima ad eliminare l’articolo 10, ovvero a non prorogarlo. Con calma si potrebbe riflettere su altre ipotesi. Ad esempio, su come non gettare via la cessione del credito che era l’unica cosa buona dell’articolo e a limitare gli interventi quelli di 1° livello. Sono ipotesi che abbiamo già avanzato. Per il resto è no su tutta la linea”.

          Sebastiano Cerullo, direttore generale di FederlegnoArredo, annota su Linkedin: “Ho portato la posizione di abrogazione dell’articolo 10 come unica soluzione per salvaguardare delle imprese della filiera legno interessate da questo dispositivo. L’abrogazione è la posizione dominante emersa nella discussione con tutte le altre associazioni presenti intorno a questo tavolo e, quindi, speriamo che venga presa in considerazione dalla politica”.

          Non presenti ma informatissimi su quanto succedeva al Tavolo tecnico due produttori di serramenti e esponenti del mondo associativo artigiano.
          Così ci dichiara Giovanni Battista Sarnico, presidente nazionale Federazione LegnoArredo di Confartigianato: “I nostri rappresentanti hanno espresso un chiaro no all’ articolo 10. La posizione è la stessa da noi espressa alla X Commissione Industria del Senato e confermata ieri dalla Direzione nazionale della Federazione. I nostri artigiani sono piccole aziende e non hanno le strutture in grado di gestire il carico burocratico e neanche il carico fiscale e finanziario che impone lo sconto in fattura”.
          Una posizione condivisa perfettamente da Mauro Sellari, serramentista e presidente Unione Produzione CNA Toscana che però aggiunge un piccolo spiraglio di apertura e di speranza: “I rappresentanti del governo si sono impegnati a fare una valutazione per inserire le variazioni nella prossima legge di stabilità e per la prima volta un cauto ottimismo è stato espresso dai nostri rappresentanti presenti all’incontro. Comunque, finché non leggeremo nero su bianco quello che il governo si è impegnato a fare, manterremo alta la guardia, continuando nelle nostre azioni intraprese fino ad oggi”.

          Una nota marginale. A fine riunione i rappresentanti di Enea, Bertini e Clementi, hanno sollevato il problema del prezzo al metro quadro dei serramenti che potrebbe venir inserito in un prossimo Decreto Edifici, una sorta di mina vagante tra i Ministeri che già abbiamo definito a suo tempo decreto ammazzadetrazioni. Hanno ricevuto una ferma risposta da parte del direttore di Finco Angelo Artale. Dimenticato da oltre un anno, il tema del “prezzo massimo al metro quadro” ritornerà presto come incubo sul mondo del serramento e prenderà il posto dell’ articolo 10.

          Che dire a Enea che ogni tanto ritorna in merito per impedire, a suo dire, abusi? In dodici anni di Ecobonus, Enea ha accumulato un fantastico database di prezzi al metro per ogni regione e provincia d’Italia e sa benissimo quanto costano mediamente i serramenti a risparmio energetico a Bolzano, Roma e Palermo. Se, poi, qualcuno si inventasse, e questo può succedere nel nostro paese, dei prezzi stratosferici per i serramenti da ecobonus, basterebbe inserire nel software di Enea che accoglie le domande di detrazione un paio di linee di coding che avvisano immediatamente dell’anomalia la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Entrate. Non c’è bisogno di nuovi Decreti.

          Ex post, qui l’intervento di Fabio Gasparini, presidente di Assites, su quanto emerso al Tavolo tecnico.

          FONTE: GUIDAFINESTRA.IT


          Un incontro d’eccellenza. Kömmerling incontra I Nobili.

          Il 25 settembre 2019 abbiamo accolto, presso la nuova sede de I Nobili, i responsabili della Kömmerling. Ci hanno fatto visita il Dr. Peter Mrosik, titolare, il Dr. Frederik Declercq, A.D., Michele Pintarelli e Ermakowa Elena, Dir. commerciale per il mercato russo.

          La Kömmerling è tra i leader mondiali nel settore dei profili in PVC. Una società fondata da Karl Kömmerling nel 1897 che produce e distribuisce in circa 50 Paesi in tutto il mondo.

          È partner commerciale de I Nobili con cui condivide la mission di eccellenza.

          Eccellenza sta per conformità ai valori come: organizzazione, innovazione, efficienza, lavoro di squadra, logistica e formazione. Solo il meglio può garantire risultati al nostro lavoro. L’incontro è il frutto della condivisione di un concetto di impresa che si basa sulla organizzazione, qualità produttiva e logistica, ma anche e soprattutto sul rapporto umano.

          Il titolare della Kömmerling ha espresso numerosi apprezzamenti per la nostra azienda che non rinuncia alla scelta del meglio, rafforzando una relazione già solida.